Home - Benvenuti | Contatti | Mappa del Sito    Versione italiana English Version Deutsch Version Version francais Arabian Version Arabian Version
"Il Filo d'Erba" Altaura e Monte Ceva - Padova - Veneto - Italia
Azienda bioecologica ortoflorovivaismo Fattoria Didattica | Fattoria Sociale | Visite per gruppi | Diario della fattoria | Erbario Monte Ceva
Villa Veneta | Ristorazione biologica | Ospitalità | Eventi e promozioni | Domeniche e festività | Prodotti km0
PRENOTA ORA

FESTA della LUMAZA: una Festa legata alla vita rurale… in cui tutto è permesso!!!!

E per i bambini è la Festa della "lumaza ", della zucca illuminata  !!!!

 

Lumaza - festa del 31 ottobredal 30 Ottobre al 11 Novembre: 12 giorni legati da una unica tradizione.

La differenza tra anno solare e lunare, più corto quest'ultimo di 11-12 giorni, viene denominata dodekameron (12 giorni) ed è un intervallo di "tempo fuori dal tempo".

E' un tempo virtuale che "concorda " l'anno solare con quello lunare e viene collocato, nella nostra tradizione, alla fine dell'anno agrario. In questo "tempo- non tempo" vivi e morti sono nella condizione di vivere contemporaneamente. Questo periodo, secondo l'ordine naturale delle cose, segna il passaggio dal tempo della luce a quello del buio, stiamo avvicinandoci alle giornate più corte dell'anno, le sementi dei cereali vengono consegnate alla terra assumendo una dimensione ctonia. Da adesso fino a primavera il contadino, per la buona riuscita del raccolto, non potrà fare altro che cercare di propiziarsi chi condivide il sottosuolo con le sementi: i santi, gli dei degli inferi, i defunti buoni e gli spiritelli birichini.

Ecco allora che in questo periodo il 1 novembre è  un giorno è dedicato alla celebrazione di  tutti i santi, l'11 novembre ad  uno in particolare, a San Martino protettore degli agricoltori, il 2 novembre si pregano i morti, e alludendo alla loro dimensione terrena, il 31 ottobre ci si traveste, ci si maschera per evocarli, si preparano dolci, offerte per una migliore sopravvivenza sotterranea e ogni sorta di doni di buona accoglienza auspicando che, anche gli spiriti più irrequieti e dispettosi, ricambino la nostra devozioe assicurando una buona custodia delle sementi e dei raccolti e quindi della nostra sopravvivenza. 

E la maschera, a pensarci bene, ha origini antichissime legate alla tradizione dei defunti: eh si, le prime maschere della storia sono le "maschere" delle mummie egiziane", i copri mummie… erano le "maschere " dei morti !!!!
La Festa in onore dei morti, non è solo una commemorazione, ma la celebrazione del ciclo vitale morte – rinascita, seme   invernale dormiente nel grembo della terra-risveglio e germoglio che uscirà dalla terra a primavera.
E in un tempo magico si può fare di tutto, tanto si è fuori dal tempo, non resterà traccia di nulla: tutto è permesso !!!

Ecco allora che si possono  abbandonare gli abiti usuali e travestirsi  con vesti che simulano altri ruoli, altre raeltà vere o fantastiche …. folletti , streghe , spiritelli ., mostri … ci si veste in "maschera " !.
I travestimenti hanno come colori dominanti  il nero delle tenebre dell'inverno che si avvicina, l'arancione delle foglie degli alberi e delle zucche da intagliare  per ottenere maschere divertenti o mostruose e il viola degli inferi. 
Le offerte per i  defunti sono dolci  che spesso richiamano nella forma i morti stessi come gli ossi de morto, ma anche frutta piena di semi come fichi e melagrane. I  bambini  partecipano travestendosi, scambiando doni con i defunti , ricevono doni  "di merito  o demerito " dai defunti ma anche girano mascherati   per le case a chiedere doni per i defunti .con il tradizionale rito di "dolcetto o scherzetto ?''

Programma di Giovedì 1 novembre e Domenica 4 novembre a Casale di Scodosia. Su prenotazione.

ore 10,30 -12,30

Esaminiamo i vari tipi di terra. Prepariamo la terra: dalla terra arata al "letto di terra" per far riposare i semi. Affidiamo i semi alla terra. E' tempo di raccogliere le actinidie.

ore 14,30 -16,30

Facciamo la "lumaza". 

Costruiamo la nostra maschera e giochiamo a Dolcetto o Scherzetto ?

Prepariamo le "favete". 

 

Pasto in fattoria

Pasticcio o pasta al ragù o verdure
cotechino con polenta o formaggio con polenta
torta della casa
acqua naturale e pane fresco.
vino, caffè, acqua minerale esclusi.

Euro 4,00 per bambini fino ai 3 anni.
Euro 8,00 per bambini dai 4 agli 8 anni.
Euro 12,00 per bambini dagli 8 ai 12 anni.
Euro 16,00 dai 12 anni in su.

Per informazioni e prenotazioni Maria Dalla Francesca 347.2500714, dfmaria@libero.it , fax 0429 879063.

ISCRIVITI alla NEWSLETTER!
Email: 
Nome: 
  -  
per ricevere gli aggiornamenti delle ns attività!

FogliolinaEVENTI in FATTORIA

 

S.E.M.I.
conversazioni con la NATURA delle Fattorie Altaura e Monte Ceva nel 2017

vedi il programma >>

Video Altaura

Video M.te Ceva


Biofattoria sociale :: Altaura e Monte Ceva

Visita i siti web
consigliati dalla fattoria:

Fattorie del Panda

Ville Venete Scuole

Progetto Euganeo

Cata Europea del Turismo Sostenibile, in collaborazione con Parco REgionale dei Colli Euganei


 
IL FILO D’ERBA - AZIENDA AGRICOLA BIOECOLOGICA ALTAURA E MONTE CEVA
Sedi: ALTAURA, Via Correr 1291, Altaura, 35040 Casale di Scodosia, PD | MONTE CEVA, Via Cataio 68, Cà’ Vecchia, 35041 Battaglia Terme, PD
Tel: +39 347 2500714 Fax: +39 0429 879063 E-Mail: dfmaria@libero.it | www.scuolafattoria.it P.IVA 03463430284 Powered by Luca Turrin