Home - Benvenuti | Contatti | Mappa del Sito    Versione italiana English Version Deutsch Version Version francais Arabian Version Arabian Version
"Il Filo d'Erba" Altaura e Monte Ceva - Padova - Veneto - Italia
Azienda bioecologica ortoflorovivaismo Fattoria Didattica | Fattoria Sociale | Visite per gruppi | Diario della fattoria | Erbario Monte Ceva
Villa Veneta | Ristorazione biologica | Ospitalità | Eventi e promozioni | Domeniche e festività | Prodotti km0
PRENOTA ORA

La vita della Fattoria: premio Penna d'Oca

Altaura, fattoria didattica e scrigno goloso di cose buone:
“Il premio Penna d’oca ricorda Zanzotto e Malaman fa il bis”
!

26 novembre 2011 - Il Mattino di Padova 

<< Clicca per vedere l'Articolo in Pdf

SELVAZZANO. Un modo per amare e difendere la nostra scuola è quello di trasmettere ai ragazzi la cultura della sana alimentazione. Le mense scolastiche sono bistrattate, invece il pranzo è un momento di condivisione da valorizzare». Parla da ex preside Marisa Michieli, vedova del poeta Andrea Zanzotto, e lancia un appello a favore della tanto amata scuola mentre ritira il riconoscimento alla memoria assegnato al marito dalla giuria del premio “Penna d’oca”. [...] La premiazione ieri alla Montecchia di Selvazzano [...] Per la stampa quotidiana premiato per la seconda volta Renato Malaman del “mattino di Padova” per il servizio sulla fattoria didattica “Filo d’erba - Altaura” di Casale di Scodosia. [...]. (n.s.)

La pioggia non cade dal cielo, ma sale dal suolo Intervista a Panos Manikis, esperto di agricoltura naturale e allievo di Fukuoka
L'Azienda Agricola Acquasanta è un piccolo podere nei pressi del Trasimeno, immerso tra boschi, macchia, ulivi centenari e sorgenti naturali, dove si praticano e sperimentano i principi della permacultura, dell'agricoltura naturale e dell'agricoltura sinergica.L'ultimo progetto in ordine di tempo ospitato dall'azienda è stata la realizzazione della prima coltivazione di riso di montagna Rebecca*, proveniente dal Brasile. La coltivazione è stata avviata lo scorso maggio con l'aiutdell'esperto greco di agricoltura naturale Panos Manikis - conosciuto ed apprezzato a livello europeo anche per essere stato uno dei primi allievi di Masanobu Fukuoka, il celebre fitopatologo giapponese pioniere dell'agricoltura naturale, autore de La rivoluzione del filo di paglia, un testo che ha ispirato un'intera generazione, stimolando una nuova concezione della pratica agricola. Abbiamo approfittato della presenza di Panos in Italia per una lunga chiacchierata sulla sua esperienza di "agricoltore naturale" e sulla pratica di "seminare" le palline d'argilla per rimboschire le aree desertificate .

Come e quando hai incontrato l'agricoltura naturale? E' iniziato tutto 25 anni fa. Sembrerà strano, ma debbo ringraziare una grave malattia che mi ha costretto a cambiare radicalmente vita. Sono guarito grazie all'alimentazione naturale, facendo l'esperienza diretta di come sia possibile vivere in piena salute purché vi sia armonia con la natura. Un discorso che ovviamente vale non solo per l'uomo, ma anche per le piante e gli animali. In quegli anni è stato per me fondamentale la lettura de La rivoluzione del filo di paglia di Masanobu Fukuoka, un giapponese che 70 anni fa, dopo aver lavorato a lungo come fitopatologo nell'ambiente dell'agricoltura convenzionale, ha avuto una metanoia, una illuminazione come dicono in oriente, tracciando le basi dell'agricoltura naturale intesa più che come metodo colturale, come vero e proprio cammino spirituale. Dopo aver letto il libro, sono andato in Giappone con un biglietto di sola andata, per lavorare insieme a Fukuoka, un uomo fuori dal comune che ha dedicato l'intera sua esistenza a ricreare quello che io chiamo il "paradiso" in terra.

Quanti ettari coltivi e cosa produci? Tornato in Grecia dal Giappone, ho deciso di fare il contadino. Così ho acquistato un terreno coltivato per 40 anni secondo i criteri dell'agricolturaconvenzionale. Per due anni ho evitato qualsiasi tipo di intervento, in questo modo sono arrivato a quello che io chiamo "punto zero", cioè laricostruzionedell'equilibrioecologico. A distanza di 16 anni, quel pezzo di terra si è trasformato in un piccolo paradiso dove ortaggi, cereali, piante di sovescio, alberi di frutta ed essenze forestali crescono insieme in armonia. Quando c'è questa armonia non c'è nessun bisogno di lavorare il terreno, né di usare concimi chimici o diserbanti; non c'è bisogno di effettuare trattamenti chimici per risolvere i problemi delle malattie e degli attacchi parassitari. Oggi, nel mio frutteto si trovano più di cento varietà differenti, le piante conservano la loro forma naturale ed io non devo effettuare la potatura perché quando una pianta ha una forma naturale riceve la luce e l'aria in modo uniforme e in questo modo non si sviluppano le malattie. In Grecia c'è un proverbio che dice "la casa che vede il sole, non vede il medico". Penso che la stessa cosa accada anche in agricoltura.

Fare a meno della potatura non crea problemi nella raccolta? In genere, quando un albero conserva la sua forma naturale, si sviluppa molto in altezza e questo può rappresentare un problema per la raccolta, ma questo non mi preoccupa. Una volta che un albero ha dato 100 chili di ciliegie, lasciarne sui rami 10 per gli uccelli fa parte del ciclo naturale. Nel mio orto coltivo mediamente 15 varietà diverse di ortaggi che crescono sotto gli alberi senza nessun particolare intervento da parte mia. Mi limito a riseminare ogni tre-quattro anni. In questo modo riesco ad avere una produzione di ortaggi salutari e gustosi. La mia frutta e verdura è priva di difetti. Non c'è bisogno di nessun lavoro di selezione, è sufficiente preparare le cassette e spedirle. Non è necessario nessun altro tipo di lavoro. Non utilizzo nessuna tecnologia. Vendo i miei prodotti a prezzi standard, un euro e mezzo per tutta la frutta, senza differenza tra i vari tipi, né tra le varietà precoci rispetto a quelle tardive. Per me è importante che i prezzi di vendita della frutta siano molto bassi, perché credo che la salute sia un diritto di tutti e non solo dei più abbienti.

Puoi spiegare meglio su cosa si basa l'agricoltura naturale? Come ho appena detto non è soltanto un metodo di coltivazione, ma uno stile di vita, un cammino spirituale che ognuno può percorrere a suo modo. È insieme filosofia, spiritualità e scienza. Più concretamente, l'agricoltura naturale si basa su cinque principi: non lavorare la terra, non usare concimi chimici o composti preparati, non usare pesticidi, non usare diserbanti, non potare.

Prima hai parlato di paradiso in terra…Sì, quello che volevo dire è che oggi l'uomo soffre, soffre mentalmente ed anche fisicamente. Questa sofferenza nasce dalla separatezza. L'uomo oggi vive profondamente separato dalla Natura e l'unico modo per risolvere tutti i suoi problemi è rimettere al centro della sua vita la Natura. Leggendo un altro libro di Fukuoka: La Rivoluzione di Dio, Uomo e Natura, ho capito che non basta acquistare un pezzo di terreno, creare in proprio una piccola Utopia e lì vivere felici.
Non si può vivere felici in un'isola e disinteressarsi del resto del pianeta. Ecco perché Fukuoka si è sempre operato per rinverdire le aree desertificate, perché è necessario ricreare il paradiso in questa terra. E così, seguendo il suo esempio, dal 1993, insieme ad altre persone, do il mio contributo al miglioramento del pianeta, seminando palline d'argilla al cui interno sono situati dei semi.

Può dirci qualcosa di più sulla pratica di «seminare» le palline d'argilla? Anche i bambini possono contribuire alla creazione di un piccolo paradiso giocando con queste biglie di argilla, al cui interno sono inseriti semi di ortaggi, alberi da frutta, specie forestali, cereali e piante da sovescio che arricchiscono il terreno e creano fertilità. Una parte di questi semi sono raccolti direttamente dai volontari che partecipano all'azione, ma chiunque mangi pesche, ciliegie, albicocche, qualsiasi tipo di frutta, può lasciarne asciugare i semi ed offrirli alla gente che semina sulle montagne.Ogni anno, a settembre, ci incontriamo in Grecia per diffondere questi semi nelle aree desertificate e sulle montagne spoglie con l'aiuto di volontari, molti dei quali provenienti anche dall'estero. Le palline vengono preparate con la betoniera o manualmente e seminate prima che cominci la stagione delle piogge, quindi in autunno (settembre-ottobre) e primavera (marzo-aprile). Il nostro lavoro si limita a diffondere le palline d'argilla, laNaturapenserà a fare il resto. Con le piogge, alcuni semi germogliano altri no, alcune piante muoiono altre sopravvivono e piano piano comincia a cambiare la vegetazione del luogo.Le palline sono realizzate con la stessa argilla utilizzata per le tegole o i mattoni. Ad essa si possono aggiungere anche altri materiali come cotone o segatura, per creare palline più resistenti e leggere. Non c'è niente di scientifico nel nostro lavoro. Non si tratta di usare la mente per scegliere con oculatezza i semi, ci limitiamo a raccogliere tutte le varietà presenti in natura, preparare le palline e seminarle.

E quali sono i risultati concreti? Nel 1998, sulle pendici di una montagna nei pressi di Atene dove era scoppiato un grande incendio, abbiamo effettuato una grande semina, alla quale ha partecipato anche Fukuoka. Dopo quattro mesi, la montagna era piena di piante e fiori. In poco tempo si era ricreata una foresta seminando solo palline, senza irrigare, né zappare e senza ricorre a particolari tecnologie.Il problema più grande che dobbiamo affrontare quando seminiamo sulle montagne della Grecia o di altri paesi del Mediterraneo è quello di proteggere le piantine appena nate dagli animali selvatici e dal bestiame portato al pascolo. Questo perché la gente è indifferente e sembra non capire che se la Natura muore, anche l'uomo muore; se la Natura s'impoverisce, anche l'uomo diventa più povero. Quando invece la Natura è ricca, anche l'uomo diventa più ricco. Quando si comprenderà questa semplice legge, tutto cambierà. Con questo non voglio dire che il problema è cambiare il mondo. Bisogna innanzitutto cambiare se stessi. Bisogna cambiare mentalità e capire che servire la Natura, vuol dire servire la nostra Madre e servire la nostra Madre vuol dire servire l'umanità.E questo non è un lavoro che si può fare da soli, né in tre o quattro persone che vanno in cima a una montagna e si mettono a disseminare le palline d'argilla. Chiunque può seminare e raccogliere semi per offrirli alla Natura, che poi fa il resto del lavoro.

Qual è la differenza tra agricoltura naturale e convenzionale? La principale differenza rispetto all'agricoltura convenzionale e alla stessa agricoltura biologica è che l'agricoltura naturale parte da una visione olistica, globale. Fertilità del suolo, erosione, irrigazione, attacchi parassitari e malattie delle piante vengono considerati nella loro globalità, non separatamente. Per l'agricoltura naturale, la maggior parte dei problemi legati alla coltivazione delle piante possono essere risolti consociando varietà diverse.Più varietà di piante ci sono nel terreno, tanto più il terreno diventa fertile. Più varietà di piante e di animali ci sono, tanto maggiore sarà l'armonia, l'equilibrio ecologico.Quando c'è quest'armonia, non occorre effettuare trattamenti chimici e la stessa fertilità del terreno si accresce ogni anno spontaneamente.

Secondo te, l'agricoltura naturale può risolvere il problema della fame nel mondo? Attualmente Fukuoka sta sperimentando la coltivazione in successione di due cereali. Viene prima seminato il cereale invernale (orzo, segale, grano o avena) e poi, due settimane prima della raccolta, si semina nello stesso campo il riso. In questo modo si riescono ad ottenere 6 tonnellate di cereale invernale e da 10 a 12 tonnellate di riso a ettaro.Tutto questo «giocando» con le palline di argilla, senza trattori, aratri, falci o altri strumenti, senza nessuna tecnologia oconoscenza scientifica particolare.Fukuoka ha selezionato varietà di riso che possono dare da 250 fino a 400 chicchi; questo vuol dire che la resa può essere due volte quella ottenuta attualmente con l'agricoltura convenzionale.

Qual è lo scopo della tua visita in Italia? Non sono qui solo per parlare di agricoltura naturale. Sono molto preoccupato per la grave emergenza ambientale e per il fatto che noi tentiamo dirisolverenostri problemi usando la stessa mente che poi li ha creati. Einstein era solito dire che la mente che crea i problemi non può risolverli.Abbiamo bisognodi una nuova vitalità, di un nuovo approccio olistico, in grado di mettere insieme le conoscenze di filosofia, spiritualità e scienza.C'è un criterio molto semplice per capire veramente se tutto questo sviluppo, tutto questo progresso, ha un senso. Ognuno si deve chiedere: «C'è gioia nella mia vita?». Per me la vera gioia, laverbontà, la vera bellezza, esistono solo in Natura. Il ritorno alla Natura è l'unica strada che l'uomo dovrebbe seguire. Per secoli abbiamo devastato il pianeta, ora abbiamo il dovere nei confronti dei nostri figli e nipoti di salvaguardare la Terra.Per fare questo c'è bisogno della conoscenza intuitiva dei bambini e di quella delle donne, perché è proprio la saggezza della donna che oggi manca.

Qual è il tuo progetto di vita? Il mio obiettivo principale non è quello di mettere su una fattoria naturale, per crearmi un piccolo paradiso privato. Il mio più grande desiderio è quello di provare, insieme ad altre persone, a rinverdire le aree desertiche e le montagne spoglie della Grecia, dell'Italia e di altri paesi mediterranei. Questo perché sono convinto, come sostiene Fukuoka, che: «La pioggia non cade dal cielo, ma sale dal suolo. Non è l'evaporazione dell'acqua dai fiumi, dai laghi o dal mare a creare le nuvole, ma sono le foglie delle piante.Quanto più foglie ci sono e quanto più grandi sono gli alberi, tanta più pioggia ci sarà»

ISCRIVITI alla NEWSLETTER!
Email: 
Nome: 
  -  
per ricevere gli aggiornamenti delle ns attività!

FogliolinaEVENTI in FATTORIA

 

S.E.M.I.
conversazioni con la NATURA delle Fattorie Altaura e Monte Ceva nel 2017

vedi il programma >>

Video Altaura

Video M.te Ceva


Biofattoria sociale :: Altaura e Monte Ceva

Visita i siti web
consigliati dalla fattoria:

Fattorie del Panda

Ville Venete Scuole

Progetto Euganeo

Cata Europea del Turismo Sostenibile, in collaborazione con Parco REgionale dei Colli Euganei


 
IL FILO D’ERBA - AZIENDA AGRICOLA BIOECOLOGICA ALTAURA E MONTE CEVA
Sedi: ALTAURA, Via Correr 1291, Altaura, 35040 Casale di Scodosia, PD | MONTE CEVA, Via Cataio 68, Cà’ Vecchia, 35041 Battaglia Terme, PD
Tel: +39 347 2500714 Fax: +39 0429 879063 E-Mail: dfmaria@libero.it | www.scuolafattoria.it P.IVA 03463430284 Powered by Luca Turrin