Home - Benvenuti | Contatti | Mappa del Sito    Versione italiana English Version Deutsch Version Version francais Arabian Version Arabian Version
"Il Filo d'Erba" Altaura e Monte Ceva - Padova - Veneto - Italia
Azienda bioecologica ortoflorovivaismo Fattoria Didattica | Fattoria Sociale | Visite per gruppi | Diario della fattoria | Erbario Monte Ceva
Villa Veneta | Ristorazione biologica | Ospitalità | Eventi e promozioni | Domeniche e festività | Prodotti km0
PRENOTA ORA

Il mio orto in movimento a Casale di Scodosia

L’orto” in movimento” a Casale di Scodosia  nasce nella primavera 2012.

Premetto che sono molto molto ignorante in materia orticola perciò quasi tutto quello che racconterò deriva da osservazioni in loco e non da cultura personale pregressa né tanto meno scientifica sull’argomento.
E’ uno spazio di circa 1500  metri quadrati che convive con il bosco planiziale di 14 anni di farnie, cerri, noccioli, qualche albicocco e gelsi. Il sesto di impianto è metri 5x6. Abbiamo tagliato raso terra i noccioli e lasciato tutte le altre piante che sono ormai alte. Il sole è più che sufficiente.
Da alcuni anni lo spazio era adibito ad orto biologico. Ora è stato cintato con rete alta m 1,80 perché in fattoria la maggior parte degli animali è libera di muoversi a piacimento così invece di chiudere in recinti gli animali abbiamo recintato l’orto! Le galline e i coniglietti prediligono insalate, radicchio mentre non sono appassionati di pomodoro e solanacee in genere che quindi possono stare anche in spazi non cintati.

Già da tre anni, per dimenticanza abbiamo lasciamo andare in semenza parte delle piante di radicchio e di silene e quando abbiamo raccolto le foglie siamo stati ben attenti a non danneggiare le radici. Questa pratica ha fatto sì che radicchio e silene, che  dimorano in letti attigui, si riproducessero autonomamente senza procedere a semina manuale  da parte nostra e  le piante si sono dimostrate molto resistenti al caldo, alla siccità ed al freddo invernale. Senza alcun tipo di irrigazione si sono riprodotte a meraviglia in questi ultimi tre anni ed hanno colonizzato il loro spazio diventando predominanti su altre erbe locali. Dunque la colonizzazione del piccolo territorio da parte del radicchio e della silene  secondo me è avvenuta perché, nel  primo anno di semina, abbiamo  lasciato andare in semenza radicchio e silene e i semi  cadendo in loco hanno infittito e aumentato la densità di piante e quindi l’anno successivo l’effetto si è ancora accentuato ed ora radicchio e silene formano un cotico erboso bello compatto che non teme la competizione di altre erbe e le piante sono così ben radicate che sopportano con facilità i rigori estivi . Solo qualche pianta di aneto, di borragine, di atreplice si è inserita ma non disturba e lasciamo che facciano compagnia a radicchio e silene. A partire da questa osservazione – constatazione mi è venuta voglia  di estendere questa pratica anche ad altre piante orticole di uso comune e così sono state messe a dimora melanzane, peperoni, aglio, porri, cipolle, patate, piselli, prezzemolo, broccoli, salvia sclarea e normale, sedano selvatico, finocchio selvatico, aneto, coriandolo, erba madre, vari tipi di insalate, menta,  …

Orto biologico tradizionale a Casale di ScodosiaLa terra per mettere a dimora tutte le piante è stata ahimè fresata ma è  di sicuro l’ultima volta.  Dopo avere messo  a dimora queste piante orticole, ovviamente, ben presto, le  erbe locali  come malva, piantaggine, farinello o spinacio, graminacee, le piccole querce nate dalle ghiande dell’anno scorso e altre piante di cui ancora non conosco nome e uso hanno cominciato a fare il loro ciclo naturale di crescita. In particolare in quel pezzo di terreno il farinello o spinacio dei nostri campi è diventato molto prepotente. Molto è stato usato crudo nelle insalate e moltissimo come ingrediente principale di torte salate. Molte volte sono andata in orto a togliere a mano le erbe,radice compresa, attorno alle piante orticole perché avessero sufficiente sole e spazio per crescere, un po’ più distanti le ho però lasciate vivere. Mi piace  toglierle a mano perché mi rendo conto e imparo un sacco di cose su quelle erbe che ancora non conosco per nome... sento quelle che pungono, che tagliano, quelle che hanno delle nervature… e le osservo tutte… mi rendo conto che alcune crescono di preferenza vicino ad altre, sempre le stesse, cioè  scelgono la compagnia, alcune si intrecciano con altre , altre anche se vicine però mantengono la autonomia, e quello che mi piace tantissimo e che dopo un po’ le mie mani hanno tutti i profumi. Ogni erba ha un suo profumo e dopo averne toccate tante le mie dita sono una sinfonia  di aromi. E ancora … quando alcune  erbe anche alte 1 metro si lasciano strappare dalla terra senza fatica immagino abbiano radici molto poco profonde a differenza di altre che si alzano poco da terra e oppongono però una grande resistenza allo strappo. Laddove sono nate e cresciute sporadiche borragini le conservo. Il dilemma si pone quando due piante, che si desidera salvare, si stanno disturbando l’una con l’altra e allora bisogna scegliere se tenere una o l’altra, il criterio di scelta viene naturale... si terrà quella più rara, che ha dimostrato più difficoltà ad ambientarsi… a riprodursi …. Altra cosa che mi piace è la sicurezza che acquisisce, con  l’esperienza, la mano  che discerne  senza indugio quello che desidera tenere da quello che è daeliminare e conosce il modo più efficace  con cui affrontare l’estirpazione. Le piante levate le distendo nelle interfile a fianco di quelle da salvare…. stanno facendo una ottima pacciamatura  che è diventata  paglia !

A fianco del recinto grande c’è il sancta sanctorum, recinto di circa 12 metri quadrati in cui metto a dimora le piante uniche, le più difficili da riprodurre, le più preziose: 1 pianta di sedano selvatico regalatami da un contadino del luogo, alcuni semi di mais portati dal Libano, altri semi non conosciuti portati dal Libano, la perilla, il cotone, alcuni broccoli dalla sicilia.
L’impianto di irrigazione a goccia è stato realizzato con tubi a terra e l’acqua proviene da un pozzo fondo 60 metri.

ISCRIVITI alla NEWSLETTER!
Email: 
Nome: 
  -  
per ricevere gli aggiornamenti delle ns attività!

FogliolinaEVENTI in FATTORIA

 

S.E.M.I.
conversazioni con la NATURA delle Fattorie Altaura e Monte Ceva nel 2017

vedi il programma >>

Video Altaura

Video M.te Ceva


Biofattoria sociale :: Altaura e Monte Ceva

Visita i siti web
consigliati dalla fattoria:

Fattorie del Panda

Ville Venete Scuole

Progetto Euganeo

Cata Europea del Turismo Sostenibile, in collaborazione con Parco REgionale dei Colli Euganei


 
IL FILO D’ERBA - AZIENDA AGRICOLA BIOECOLOGICA ALTAURA E MONTE CEVA
Sedi: ALTAURA, Via Correr 1291, Altaura, 35040 Casale di Scodosia, PD | MONTE CEVA, Via Cataio 68, Cà’ Vecchia, 35041 Battaglia Terme, PD
Tel: +39 347 2500714 Fax: +39 0429 879063 E-Mail: dfmaria@libero.it | www.scuolafattoria.it P.IVA 03463430284 Powered by Luca Turrin