Home - Benvenuti | Contatti | Mappa del Sito    Versione italiana English Version Deutsch Version Version francais Arabian Version Arabian Version
"Il Filo d'Erba" Altaura e Monte Ceva - Padova - Veneto - Italia
Azienda Bioecologica Fattoria Didattica | Fattoria Sociale | Visite per gruppi | Diario della fattoria | Erbario Monte Ceva
Villa Veneta | Ristorazione biologica | Ospitalità | Eventi e promozioni | Domeniche e festività | Prodotti km0
PRENOTA ORA

Diario della fattoria

L'età dell'oro.

Testo Originale Latino

Dei Saturni temporibus homines vitam beatam agebant sine laboribus ac periculis, sine morbis doloribusque, sine mortis timore; neque divies et pauperes, neque potentes et humiles neque domini et servi erant, sed omnes omnium bonorum participes erant. Itaque haec felix aeta appellata est. Tum homines neque tempestarum imbriunque vi neque marium fluninunque violentia neque fulgorum tonitruorumque terrore opprimebantur, sed caelum, semper mite et salubre erat, quia ver perenne erant. Terra inarata magnam frugum copiam farebat, arbores sponte dulcia poma praebebant, viridia preta omni tempore multitudine flagrantium florum erant ornata. Inter animalia nullae erant inimicitiae: mites agni voracium luporum ansidias nn timebant, immanes leones cum timidis cervis cibum communicabant. Pariter homines, ab omni cura libericoncordes in pace vivebant: nondum atrocia scelera, nondum arma exitialia, nondum acria bella mortalium mentes animisque terrebant.

 

Traduzione Italiana

Ai tempi del dio Saturno gli uomini conducevano una vita felice senza affanni e rischi,senza malattie e sofferenze,senza timore della morte;non vi erano nè ricchi e poveri,nè potenti e umili,nè padroni e servi,ma tutti erano partecipi di ogni ricchezza.E così questa età fu chiamata "d'oro". Allora gli uomini non erano angustiati dalla forza delle tempeste e dei temporali e delle piogge,nè dalla violenza dei mari e dei fiumi,nè dal terrore dei fulmini e dei tuoni,ma il clima era sempre mite e salutare,poichè la primavera era continua.La terra incolta dava una grande quantità di raccolti,gli alberi producevano spontaneamente dolci frutti,i verdeggianti prati erano decorati con una moltitudine di fiori ardenti splendidi fiori. Tra gli animali non vi era alcuna ostilità: i miti agnelli non temevano le insidie dei lupi voraci, i feroci leoni dividevano il cibo con i timorosi cervi.Allo stesso modo gli uomini liberi da ogni preoccupazione vivevano d'accordo in pace:gli atroci delitti, le armi funeste, le terribili guerre non impaurivano ancora le menti e gli animi dei mortali.



Il mito dell'età dell'oro

Massimo di Tiro, scrittore greco del II sec. d.C. ha paragonato in una dissertazione (XXXVI) l'ideale di vita dei cinici a quello dell'età dell'oro: questi, infatti, dice, si sforzavano di vivere il più vicino possibile a quello che credevano essere lo stato di natura, vivendo frugalmente, ritenendo inutili le arti e le scienze, mangiando cibi crudi. La vita civilizzata è una prigione in cui gli uomini pagano dei piaceri frivoli con dei terribili mali. 'Chi è abbastanza folle, si domanda, ' da preferire piaceri frivoli ed effimeri, beni insicuri, speranze incerte, successi equivoci ad un tipo di vita che è certamente uno stato di felicità?'. L'origine dell'umanità è avvolta nella leggenda. Si racconta che nel tempo in cui Crono regnava ancora in cielo, gli uomini vivevano liberi da affanni e al riparo dalle fatiche, 'tutti i beni appartenevano loro spontaneamente, la terra produceva naturalmente abbondante raccolto alimentata solo sa un clima dolcissimo, non conosceva le ferite inferte dal rastrello, i buoi erano liberi dal tormento del giogo: in questo mondo favoloso gli uomini godevano in armonia con l'universo. Il mito dell'età dell'oro è diventato nel corso dei secoli un luogo comune della morale che rappresenta gli esordi dell'umanità come il regno della Giustizia: con gli uomini viveva la Vergine, della stirpe di Astreo che cantava al popolo concorde le leggi regolatrici della società e che si allontanò da loro solo quando con l'età dell'argento e poi del bronzo gli uomini diventarono battaglieri e carnivori; da allora appare solo di notte nel cielo vicino a Boote dal grande splendore (Arato, Fen., 96-129).

A Roma, dove Crono era identificato con Saturno, l'età dell'oro si pone al tempo in cui questo dio regnava sul Lazio: gli dei vivevano in intimità con i mortali e in una condizione di pace e ci si nutriva esclusivamente di legumi e di frutti. La credenza in un'età dell'oro e la speranza di un ritorno a quel paradiso originario è stata molto viva presso gli antichi Greci e Romani che si può pensare che le Saturnalia furono istituite volendo rappresentare la pace, l'abbondanza e l'uguaglianza di cui si godeva sotto il regno di Saturno e per rinnovare il ricordo di quei tempi felici. Scrittori e poeti ne hanno parlato sin dall'antichità presentandoci alcuni caratteri ricorrenti. Il mito delle quattro età contraddistinte dai nomi dei metalli si ritrova anche negli antichi astrologi che, persuasi dell'influenza dei corpi celesti sulle cose della terra, erano convinti che i vari aspetti che prendevano le costellazioni modificassero continuamente la vita sulla terra; il ripetersi di momenti comporta alterazioni nei costumi degli uomini, per cui si passa da uno stato di felicità ad uno stato di travaglio per il sopraggiungere di bisogni e passioni. Non potendo addentrarci in questo argomento che ci porterebbe, nel ripercorrere la storia del pensiero filosofico, fuori tema, ci basta dire che sin da Esiodo a Virgilio, ad Ovidio si parla non di un vero declino continuo, ma di un ritorno all'età dell'oro; procedendo di periodo in periodo, si passa dalla primavera della natura, l'età dell'oro, all'estate, all'autunno e all'inverno, e similmente all'età dell'argento, del rame e del ferro per dare luogo un'altra volta all'età dell'oro e così sino all'infinito. Su questa 'favola' Platone fondò la sua idea del mondo che, creato perfetto, col tempo si altera e si consuma e si distruggerebbe se il suo stesso artefice non lo restaurasse di volta in volta. Col passare dei secoli si è sempre fatto riferimento, anche indirettamente a quel favoloso periodo della preistoria in cui l'uomo conduceva una vita innocente e felice, in comunione con la natura. Nella seconda metà del XVIII secolo anche Rousseau nel suo Discours sur les sciences et les arts dice che la civiltà non è che decadenza, 'la natura ha fatto l'uomo felice e buono, ma la società ' lo rende infelice'. Essendo impossibile fare a ritroso il cammino della civiltà, bisogna riavvicinarsi alla natura, restaurare nell'uomo incivilito quei beni che furono l'appannaggio dell'uomo primitivo, la bontà, la libertà, la felicità. In una dissertazione preparata per un concorso dell'Accademia di Digione sulla questione 'se il progresso delle scienze e delle arti ha contribuito a corrompere o a emendare i costumi', Rousseau disse che non poteva accusare la scienza, quanto difendere la virtù. Non si può disconoscere che questa sia una verità eterna e sempre attuale: è compito dell'uomo non distruggere lo stato di felicità, non alterare quell'equilibrio tra natura e genere umano, necessario alla sua sopravvivenza, restaurarlo quando gli eccessi potrebbero distruggere non solo la natura, ma l'uomo stesso.

ISCRIVITI alla NEWSLETTER!
Email: 
Nome: 
  -  
per ricevere gli aggiornamenti delle ns attività!

FogliolinaEVENTI in FATTORIA

 

S.E.M.I.
conversazioni con la NATURA delle Fattorie Altaura e Monte Ceva nel 2017

vedi il programma >>

Video Altaura

Video M.te Ceva


Biofattoria sociale :: Altaura e Monte Ceva

Visita i siti web
consigliati dalla fattoria:

Fattorie del Panda

Ville Venete Scuole

Progetto Euganeo

Cata Europea del Turismo Sostenibile, in collaborazione con Parco REgionale dei Colli Euganei


in ricordo del caro Scipio e di Rino...

In ricordo del caro Scipio

IL FILO D’ERBA - AZIENDA AGRICOLA BIOECOLOGICA ALTAURA E MONTE CEVA
Sedi: ALTAURA, Via Correr 1291, Altaura, 35040 Casale di Scodosia, PD | MONTE CEVA, Via Cataio 68, Cà’ Vecchia, 35041 Battaglia Terme, PD
Tel: +39 347 2500714 Fax: +39 0429 879063 E-Mail: dfmaria@libero.it | www.scuolafattoria.it P.IVA 03463430284 Powered by Luca Turrin